La statua velata della principessa russa

Le strade di Torino
Via dei Mille

Statua velata Principessa Russa

Prima che fosse dedicata alla spedizione garibaldina, via dei Mille aperta nel 1830, prendeva il nome da una piccola chiesa dedicata a San Lazzaro ed era provvista di un piccolo cimitero chiamato di San Lazzaro o della Rocca.

Il cimitero fu aperto nel 1777 quando si vietò di seppellire i cadaveri nelle chiese cittadine; nel 1830 Torino fu dotata di un nuovo cimitero e quello di San Lazzaro fu chiuso mentre la chiesa fu utilizzata come convento fino al 1866.

Le tombe del cimitero di San Lazzaro andarono perse durante la traslazione, unico monumento di una certa importanza era quello eretto presso la tomba della principessa russa Barbara Beloselkij, che morì appena ventenne, moglie di Aleksander ambasciatore di Caterina di Russia presso i Savoia.

La statua, che raffigura una dama velata che stringe con la mano destra un calice, suscitò sempre molta curiosità forse per il velo attraverso il quale traspaiono le fattezze della principessa.

Chiuso il cimitero di San Lazzaro, le spoglie di Barbara furono portate in quello di San Pietro in Vincoli e il monumento collocato in una edicola a destra dell’ingresso; chiuso anche quest’ultimo cimitero, la statua scomparve; molti asserirono di aver visto il fantasma della principessa aggirarsi lungo il Po nell’area del cimitero di San Lazzaro.

Nel 1852 il cimitero di San Pietro in Vincoli riportò gravi danni causati dall’esplosione della polveriera di Borgo Po, crollò il muro che divideva il campo riservato ai giustiziati.

Nel periodo che va dal 1778 al 1853, furono inumati centottantasette giustiziati e già allora il cimitero esercitava una forte attrazione verso chi esercitava strani riti che avvenivano soprattutto nelle settantadue cripte sotterranee che ospitavano tombe di famiglie nobili e personaggi di spicco.

Per questo motivo fu presa la decisione di chiuderlo bloccando i cunicoli al di sotto dei porticati.

Sostieni il nostro lavoro con una piccola donazione
bastano pochi euro.
Clicca sul link:
Pay Pal Torino da vivere

La statua velata della principessa russaultima modifica: 2018-01-05T09:57:56+00:00da sabrinalibri
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento