Mascheroni di Torino

Mascheroni di Torino

Li troviamo sulle facciate di antichi palazzi, musei e portoni, con le loro espressioni truci: sono i Mascheroni Barocchi di Torino.

Rappresentano figure zoomorfe o antropomorfe, ibridi di fantasia riproducenti il volto umano o fitomorfi con forme ripescate dal mondo vegetale e sono uno diverso dall’altro.

Generalmente i mascheroni sono realizzati in gesso, marmo, pietra e cemento e rappresentano caricature di stati d’animo: l’ira, la paura, l’ingenuità, lo scherno, l’allegria.

Il perché di tali decorazioni si deve ricercare nelle famiglie nobiliari del tempo, che utilizzavano i mascheroni negli stemmi araldici come simbolo di forza, eleganza e sfrontatezza.

Mascherone Museo Pietro Micca
Mastio della Cittadella
Posto a chiave di volta del portone d’ingresso, sbeffeggiava gli invasori che tentavano di entrare per quell’ ingresso. Si trattava infatti di una falsa porta.

Mascherone Irochese
Voluti dal Guarini contornano le finestre di Palazzo Carignano e rappresentano i capi tribù degli Irochesi

POTREBBE INTERESSARTI
Simbologia: le maschere

Mascheroni di Torinoultima modifica: 2018-04-09T18:08:57+02:00da sabrinalibri
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment