Le origini della Consolata, Patrona dell’Arcidiocesi, sono molto remote, secondo la tradizione il protovescovo S. Massimo costruì un’antica chiesa mariana a ridosso delle mura cittadine, presso la torre